Aumento del Seno – Mastoplastica additiva

Quando si verifica la riduzione del seno e/o un cedimento?

Una riduzione del volume del seno e/o un cedimento mammario che, in termine medico, si chiama ptosi , può comparire con l’età, dopo gravidanze o forte dimagrimento.  Un seno piccolo può essere presente fin dalla pubertà.

Quanto influisce sulla psiche femminile la percezione di un bel seno?

Una buona autostima è certamente uno dei primi fattori di successo nella vita ed una condizione importante per raggiungerla è avere una bella e sana immagine di se stessi. Per la donna la scelta di aumentare il volume del proprio seno può indicare un desiderio di riconquista della femminilità nella sua ampia globalità. Le mammelle rappresentano  infatti quell’area anatomica legata sia alla maternità che alla femminilità e  sono il simbolo nevralgico legato all’immagine femminile e alla posizione che la donna occupa nel contesto sociale. È quindi evidente l’importanza delle proporzioni in questa parte del corpo e il legittimo desiderio di adottare anche una soluzione chirurgica per ottenerle.

Come si ottiene chirurgicamente l’aumento del seno?

L’intervento di mastoplastica additiva è una raffinata tecnica chirurgica sia che avvenga per via trans-ascellare, sottomammaria o periareolare e non può dissociarsi da inequivocabile qualità degli impianti mammari utilizzati.

 Nel caso di trans-ascellare,  il volume del seno può essere aumentato con l’inserimento di impianto mammario attraverso un’incisione posta nel cavo ascellare. Questa tecnica, che deve essere praticata da un chirurgo plastico con elevata esperienze perché è un po’ più indaginosa delle altre, offre il vantaggio, visto che usa il cavo ascellare come via d’accesso, di poter ottenere una cicatrice di modeste dimensioni, circa 4-4,5 cm,  che verrà a trovarsi nascosta in un’area anatomica lontana dall’unità estetica della mammella rispettandone la sua integrità. Non tutti i casi clinici si prestano a questa metodica ma qualora sussistano le condizioni il vantaggio estetico è importante.

A che età può essere svolto l’intervento?

L’intervento chirurgico si esegue su donne che abbiano superato il 18° anno di età.

 Ulteriori informazioni:

  • L’intervento può avere una durata di 1-2 ore.
  • L’anestesia è generale.
  • La degenza ha la durata di 1 giorno
  • Possibili effetti locali temporanei che si possono verificare: edema, sensazione di bruciore, gonfiore, secchezza della cute della mammella.
  • Convalescenza. Dopo 1-2 settimane, aspetto normale dopo 4 settimane circa.
  • Durata del risultato: permanente, l’impianto mammario può essere sostituito se necessario